La connessione non è privata: cosa vuol dire questo messaggio


Capita spesso, mentre si naviga su Internet con un browser web, di leggere questo messaggio: «La connessione non è privata». Una frase piuttosto allarmante, in un periodo storico in cui l’attenzione alla privacy è diventata cruciale a causa dei numerosi incidenti che hanno portato anche grandi aziende a subire delle perdite di dati sensibili dei loro utenti. 

La connessione non è privata

I dati sensibili che, com’è noto, sono una merce preziosissima e vengono scambiati a peso d’oro, spesso senza il consenso di chi di quei dati è il legittimo proprietario.

Inoltre l’acquisto di beni e servizi sempre più frequente attraverso l’e-commerce, grazie ai prezzi sempre più bassi di Internet fisso e Internet mobile, presenta insidie ancora maggiori, visto che se il sito dove si effettua la transazione non è sicuro si rischia che il numero della carta di credito possa finire nelle mani di malintenzionati.

Ecco perché è legittimo avere qualche perplessità quando si legge che la connessione non è privata. Ma che cosa vuol dire esattamente, quanto si rischia e che cosa si può fare per risolvere la situazione? Vediamolo insieme.

Che cosa cambia tra http e https

Per cominciare è necessario fare il punto sulla differenza tra http (HyperText Transfer Protocol) e https (HyperText Transfer Protocol Secure), i protocolli di telecomunicazione utilizzati per la normale navigazione web su browser come Chrome, Firefox, Edge, Safari e così via, e che vediamo all’inizio degli indirizzi relativi alle pagine che visitiamo. Il protocollo https è il più sicuro, visto che la comunicazione tra il client e il server, cioè tra chi “chiede” la navigazione e chi la fornisce, viene protetta attraverso l’uso di determinati certificati; questi certificati consentono di garantire la riservatezza dei dati, cifrare il traffico web e verificarne l’integrità. Inoltre il protocollo https fa uso di una diversa porta standard (443 invece di 80), per una sicurezza ancora maggiore.

Tra i certificati, il più diffuso e usato è SSL, che sta per Secure Socket Layer. Oggi i siti https con certificato SSL rappresentano infatti lo standard per un sito “sicuro”, tanto che i browser, quando vengono indirizzati verso un sito che gira su https (o dovrebbe farlo), effettuano un controllo per la convalida del certificato installato sul sito: se questo risulta non valido – per vari motivi – allora il browser avverte l’utente con un messaggio in cui si comunica che «la connessione non è privata», cioè non può essere accertato il rispetto dei vigenti standard di sicurezza della privacy.

Detto in altre parole, siccome i dati non possono essere criptati nel modo corretto, il sito non è sicuro da visitare, il che è particolarmente preoccupante quando si tratta di un sito a cui si accede a un’area personale attraverso l’inserimento di determinate credenziali (login e password) che possono essere sottratte, o, peggio ancora, si effettuano transazioni economiche. La funzione integrata nei browser consente quindi di sapere da subito se un sito è davvero sicuro, lasciando comunque all’utente la possibilità di proseguire lo stesso, a suo rischio e pericolo.

Scopri le migliori offerte del mercato

Gli errori più comuni di connessione non privata

I browser come Google Chrome non si limitano a dire che la connessione non è privata, ma segnalano anche il nome dell’errore, come ad esempio i seguenti:

  • ERR_CERT_SYMANTEC_LEGACY
  • NET::ERR_CERT_AUTHORITY_INVALID
  • NET::ERR_CERT_COMMON_NAME_INVALID
  • NET::ERR_CERT_WEAK_SIGNATURE_ALGORITHM
  • NTE::ERR_CERTIFICATE_TRANSPARENCY_REQUIRED
  • NET::ERR_CERT_DATE_INVALID
  • SSL certificate error
  • ERR_SSL_VERSION_OR_CIPHER_MISMATCH

A ognuno di questi codici corrisponde ovviamente una diversa ragione per cui la connessione non è sicura, da semplici errori di data alla scadenza del certificato, passando per l’utilizzo di un algoritmo che non è considerato abbastanza sicuro (ma magari lo era quando il sito è stato dotato dei protocolli di sicurezza).

Sempre Chrome (ma funzioni analoghe sono disponibili per tutti i browser più utilizzati) indica con una piccola icona nella barra degli indirizzi, sulla sinistra, lo stato di sicurezza del sito in cui ci troviamo: un lucchetto significa che il sito è sicura, la i cerchiata significa che il sito non è sicuro e che c’è la possibilità che le informazioni inviate o ricevute tramite il sito possano essere viste da altri, il simbolo di pericolo naturalmente ci comunica che il sito potrebbe essere pericoloso. Cliccando sull’icona sarà possibile visualizzare le autorizzazioni e i dettagli del sito, trovando un riepilogo della valutazione del browser relativamente allo stato della connessione in quanto alla privacy.

Come fare per correggere l’errore “La connessione non è privata”

Quando ci si trova di fronte a un messaggio di questo tipo, la soluzione più semplice – suggerita anche dai pulsanti che ci invitano a tornare da dove siamo venuti – è rinunciare a collegarsi, a meno che non si tratti di qualcosa di indispensabile. Può darsi che il sito sia molto datato e non aggiornato ai più moderni standard di sicurezza e privacy, oppure che sia a tutti gli effetti malevolo e scritto per rubare all’incauto utente i suoi dati, ad esempio in seguito a un tentativo di phishing effettuato tramite link mandato via e-mail o attraverso le principali piattaforme di messaggistica.

Ci sono però dei casi in cui l’utente non ha scelta e deve collegarsi a quel determinato sito, ma ovviamente non a discapito della cura per i suoi dati sensibili. In questo caso ci sono una serie di accorgimenti che può tentare per vedere se il problema è “lato client” (e quindi sua involontaria responsabilità) o comunque se la situazione può essere felicemente risolta. 

Provare la navigazione in incognito

Se si è su un PC, è possibile provare ad aprire la pagina che si stava visitando quando è comparso il messaggio d’errore utilizzando una finestra di navigazione in incognito. Se si riesce ad accedere alla pagina senza che compaia l’errore “La connessione non è privata”, allora il problema può essere dato da un’estensione del browser che – magari per un mancato aggiornamento – non funziona come dovrebbe. In questo caso, la cosa migliore da fare è disinstallare momentaneamente l’estensione e vedere se, anche con una pagina di navigazione standard, si riesce ad accedere senza problemi. Se la risposta è sì, meglio verificare, successivamente, se per caso si è saltato un update dell’estensione in questione o se è meglio disinstallarla del tutto per non incorrere in altre situazioni analoghe.

Aggiornare il sistema operativo

Aggiornare Windows od OS X o altri sistemi operativi, soprattutto se è da parecchio che non lo si fa, può risolvere i problemi di connessione non privata, perché quasi sempre contengono anche aggiornamenti dei browser proprio per update relativi alla privacy.

Disattivare l’antivirus

A volte il problema è un antivirus che offre protezione o scansione HTTPS impedendo a Chrome o ad altri browser di funzionare correttamente. Anche in questo caso si può provare a disinstallarlo temporaneamente, perché i browser sono già in grado di identificare da soli problemi di connessione poco sicura.

Accedere dal portale

Può capitare che, quando si accede a un Wi-Fi o a una connessione Ethernet pubblica (in aeroporto, in hotel e così via), si riesca a navigare direttamente senza che sia necessario, almeno in apparenza, accedere prima al portale di registrazione. In questo caso è possibile che si verifichino numerosi errori di connessione non privata. La soluzione è visualizzare la pagina di accesso corretta (di norma basta navigare su un qualsiasi sito con protocollo http per farla aprire) e accedere con le giuste credenziali. Va ricordato, però, che è sempre meglio non visitare siti per cui è necessaria la massima sicurezza (ad esempio il proprio conto corrente bancario) se non è strettamente necessario quando ci si collega a una Wi-Fi pubblica.

Velocità Internet: le offerte con la velocità di connessione più alta di Settembre 2022

Per chi è a caccia di soluzioni Internet che permettano di navigare da casa alla massima velocità (e al prezzo più competitivo), ecco la classifica delle promozioni da valutare in questa coda di Settembre 2022.

Fibra casa: le migliori offerte per Internet casa veloce di Settembre 2022

Quali sono le soluzioni Internet casa che, sfruttando la fibra ottica tradizionale, assicurino velocità di navigazione, stabilità di connessione e un prezzo vantaggioso? Dal comparatore di SOStariffe.it la “hit parade” della convenienza a Settembre 2022.

Come attivare Netflix con WindTre a Settembre 2022

Con la Super Fibra di WindTre l’intrattenimento di Netflix è incluso: un ventaglio di film e serie Tv da guardare in qualità full HD. Su SOStariffe.it l’identikit dell’offerta esclusiva per già clienti mobile di WindTre e le mosse per attivarla a Settembre 2022.
Verifica la copertura
del tuo indirizzo
Comune
Parla con un esperto
Gratis e senza impegno
Alcune delle recensioni che ci rendono più orgogliosi:
Eccezionale
Basata su 4700 recensioni
18 ore fa
Veramente cortesi e dis...

Veramente cortesi e disponibili . Consigli disinteressati e precisi . Veramente un ot...

Giuseppe

Valutata 4.7 su 5 sulla base di 4700 recensioni su